#S4P2017

POST-VERITA'

17 NOVEMBRE 2017 UNIVERSITÀ BOCCONI MILANO

X

Tawakkul Karman

Vincitrice del Premio Nobel per la Pace 2011

Il Premio Nobel per la Pace è stato assegnato a Tawakkul Karman nel 2011, in riconoscimento del suo lavoro nella battaglia pacifica per raggiungere la libertà di espressione, sicurezza per le donne e per il loro diritto di lavorare al raggiungimento della pace in Yemen.
Karman ha tre figli, è un’attivista per I diritti umani, una giornalista, politica  ed è presidente dell’organizzazione “Donne Giornaliste Senza Catene – Women Journalists without Chains”. È il coordinatore generale del comitato per una rivoluzione pacifica e un membro del consiglio dell’organizzazione internazionale “Trasparenza Internazionale” e di diverse altre NGO per i diritti umani.
Audace e schietta, Karman è stata imprigionata in numerose occasioni per la sua protesta in favore della democrazia e dei diritti umani.
Tawakkol è nata nel 1979 in Taiz, Yemen. Ha ottenuto un diploma in commercio prima di completare una laurea in scienze politiche presso l’Università di Sana’a.
Giornalista di professione e attivista per I diritti umani di natura, Tawakkol ha risposto all’instabilità politica e agli abusi dei diritti umani in Yemen mobilitando le persone e denunciando le ingiustizie. Nel 2005 Karman ha fondato l’organizzazione “Giornaliste Donne senza Catene – Women Journalists Without Chains” che sostiene i diritti e la libertà di espressione e fornendo preparazione ai giornalisti.
Nel 2007 Karman ha iniziato ad organizzare proteste settimanali a Sana’a, la capitale dello Yemen, prendendo di mira la repressione sistematica del governo e richiedendo indagini sulla correzione e altre forme di ingiustizia sociale e legale.
È stata arrestata diverse volte, la sua casa è stata esposta a danni e bombardamenti e, insieme ai suoi tre bambini, è stata minacciata più volte di morte.
 Grazie alla sua fede alla sua leadership nella conduzione di una protesta pacifica prima della Primavera Araba, Tawakkol Karman è stata l’artefice di un cambiamento politico, sociale e culturale in Yemen. In quanto donna, è stata in grado di convincere la società yemenita, che è molto conservativa, dell’abilità delle donne di essere dei leader e della loro capacità di prendere decisioni forti.
Dopo anni di insistenti proteste e sit-in della durata di settimane e grazie al supporto degli attivisti dell’organizzazione “Giornalisti Senza Catene” milioni di donne sono scese in piazza per chiedere diritti umani e combattere la corruzione. 
Tawakkol ha ottenuto molti titoli e premi. Da quando ha ricevuto il premio Nobel per la Pace, ha continuato a supportare le giornaliste donne e raggruppare gli yemeniti per combattere la corruzione del governo e le ingiustizie. Fieramente impegnata verso il cambiamento, Karman passa la maggior parte del tempo in una tenda in Change Square, da cui porta avanti la sua pacifica protesta per la giustizia e la pace.
 

Condividi su