#S4P2017

POST-VERITA'

17 NOVEMBRE 2017 UNIVERSITÀ BOCCONI MILANO

X

GIUSEPPE LARAS

Presidente Emerito Assemblea Rabbinica italiana, Milano

Giuseppe Laras, è uno studioso di filosofia ebraica medievale, conferenziere e scrittore conosciuto a livello internazionale.
Presidente del Tribunale Rabbinico del Centro-Nord Italia. Presidente Emerito dell'Assemblea dei Rabbini d'Italia. Rabbino Capo, prima, ad Ancona, quindi a Livorno e a Milano, dove ha retto la cattedra per 25 anni. Professore universitario, ha insegnato Storia del pensiero Ebraico presso l’Università Statale di Milano. I contributi da lui apportati nell’ambito dell’ebraismo italiano ed europeo e, in particolare, del dialogo interreligioso durante questi anni, nonché la sua costante presenza nel dibattito politico e culturale in ambito locale e nazionale, ne fanno una delle figure leader del mondo ebraico contemporaneo. Conosciuto per i suoi studi sulla filosofia medievale e, in particolare, sul pensiero di Maimonide.
È autore di diversi libri, tra i quali: “Il pensiero filosofico di Mosè Maimonide (1998)”, “Mosè Maimonide - Gli Otto Capitoli : La dottrina etica (2001)”, “ Il Libro di Kohelet (2002)”, “Storia
del Pensiero Ebraico nell’Età Antica” (2006) e “Immortalità e Resurrezione nel pensiero di Maimonide” (2007), “Meglio in due che da soli: storia dell’amore nel pensiero d’Israele” (2009), Onora il padre e la madre (2010).
Collabora a diverse riviste e pubblicazioni.

DIALOGO INTERRELIGIOSO

Al momento, il dialogo interreligioso è, in genere, circoscritto all'ambito ebraico-cattolico. Fin dal suo affermarsi, con la fine della guerra e dopo la Shoah, esso ha conosciuto momenti
positivi di slancio e momenti critici di stasi. Si è costatato che il dialogo ebraico-cattolico tende a risultare utile non solo a livello religioso, creando un sentimento di riavvicinamento e di compartecipazione tra i membri delle due religioni, ma, da qualche tempo, anche a livello politico: si considerino, al riguardo, i nuovi rapporti instauratisi fra Vaticano e Stato d'Israele.
Manca tuttavia oggi, un dialogo interreligioso che coinvolga anche l'Islam. La difficoltà maggiore rispetto al coinvolgimento dei fedeli dell'Islam nel dialogo è dovuta al fatto, del resto valido anche per l’ebraismo, che l'Islam non è una realtà monolitica; al suo interno, sono invece presenti diverse componenti, caratterizzate da opinioni contrastanti circa l'opportunità di farsi coinvolgere nel dialogo con ebrei e cattolici. Per mantenere e far progredire il dialogo, di per sé tutt'altro che facile, occorrono molta
pazienza e perseveranza, nonché e soprattutto, una buona dose di ottimismo.

Condividi su