#S4P2017

POST-VERITA'

17 NOVEMBRE 2017 UNIVERSITÀ BOCCONI MILANO

X

KAILASH SATYARTHI

Fondatore e coordinatore della Global March Against Child Labour

La vita e le opere di Kailash Satyarthi sono sinonimo di crociata contro la schiavitù infantile. Kailash nasce nel 1954 in Vidisha in Madhya Pradesh, India. Ha una laurea in Ingegneria Elettrica ed un Diploma in Ingegneria delll’alto voltaggio.

Nel periodo che trascorre insegnando in un Istituto di studi di Bhopal, Kailash decide di lavorare più a contatto con il cambiamento sociale. Kailash rischia ogni giorno la propria vita e riceve costanti minacce di morte dai suoi oppositori. Kailash, insieme con il collega, ha organizzato il soccorso e il recupero di più di 767.328 bambini ridotti in schiavitù ed ha sviluppato un modello di successo per la loro istruzione e riabilitazione. Pensatore analitico, Kailash è il pioniere dell’ormai consolidato paradigma triangolare dello sviluppo che mette in relazione l’eliminazione della schiavitù infantile, l’eradicazione della povertà e l’istruzione per tutti. Fondato da Kailash nel 1980, Bachpan Bachao Andolan (Save the Child Movement) è il simbolo della lotta contro il lavoro e la schiavitù infantile. BBA è anche alle origini del South Asian Coalition on Child Servitude (SACCS), il primo movimento popolare sud-asiatico che comprende più di 750 organizzazioni civili.

Kailash combatte il lavoro minorile alimentando una resistenza da parte di consumatori internazionali nei confronti dei prodotti realizzati grazie allo sfruttamento infantile. A questo proposito, inizia nel 1994 Rugmark, un programma sociale di riconoscimento - con un’etichetta - che certifica i prodotti realizzati senza il ricorso al lavoro infantile all’interno di aziende che accettano di essere sottoposte a ispezioni periodiche.

Kailash si impegna a conferire autorevolezza ai bambini attraverso la creazione di Child Friendly Villages. Il concetto di Bal Mitra Gram (Child Friendly Village) rappresenta un approccio innovativo per una totale estirpazione del lavoro infantile e per una universalizzazione dell’istruzione. La commissione di questi villaggi per bambini si è evoluta fino a sollevare la coscienza collettiva con successo inedito ed ha contribuito alla valorizzazione di una democrazia partecipativa. Nel 1998 Kailash organizza la Marcia Globale Contro il Lavoro Minorile (GMACL) coinvolgendo 103 nazioni, con la
partecipazione di 7,2 milioni di persone e di 20.000 associazioni civili, formando così la più grande iniziativa popolare contro il lavoro infantile che ha poi portato alla Convezione ILO 182 sulle forme peggiori di lavoro minorile.

ABSTRACT - KAILASH SATYARTHI

È riuscito, inoltre, a costituire la Global Task Force sull’Istruzione e il Lavoro Minorile, comitato di lavoro delle agenzie ONU e di GMACL, che assicurano coerenza e azioni coordinate a favore dell’eliminazione del lavoro minorile e a sostegno dell’istruzione e della riduzione della povertà. La Campagna Globale per l’Istruzione (GCE), iniziativa educativa condotta da Kailash, rappresenta una coalizione di network sociali, fondazioni e associazioni di docenti attivamente impegnata nella promozione dell’implementazione degli obiettivi di Dakar “Education for All” attraverso testimonianze e attività di lobbying.

RICONOSCIMENTI
Nel 2005, la Skoll Foundation USA, sceglie e nomina Kailash fra i 12 “Nuovi eroi” del mondo. Atore leggendario, Robert Redford, ha contribuito alla divulgazione di questo riconoscimento. “Ropes in their hands”, il documentario indiano in concorso al New York Film Festival del 2005, racconta in maniera straziante un raid di soccorso nell’industria circense.

PREMI
International Peace Prize - Germania (1994)
Robert F. Kennedy Human Rights Award - USA (1995)
Trumpeter Award - USA (1995)
Golden Flag Award - Olanda (1998)
La Hospitalet Award - Spagna (1999)
Friedrich Ebert Stiftung Award - Germania (1999)
Raoul Wallenberg Human Rights Award - USA (2002)
Freedom Award - USA (2006)
Heroes Acting to End Modern Day Slavery - USA (2007)
Medal of the Italian Senate - Italia (2007)
Alfonso Comin International Award - Spagna (2008)

Condividi su